Ofelia Malinov: «Il volley per me? Un destino, ma soprattutto una scelta»

Ofelia Malinov: «Il volley per me? Un destino, ma soprattutto una scelta»

La palleggiatrice azzurra ai Mondiali di volley al via in Giappone: «La Nazionale mette i brividi. Famiglia, fede e sacrifici per arrivare in alto. Mi laureo in Diritto per difendere i deboli»

Nata sotto il segno del volley. La Nazionale di pallavolo femminile si presenta al Mondiale giapponese (al via sabato) con una palleggiatrice che questo sport l’ha respirato sin dal primo istante: Lia Malinov ha infatti avuto in casa i suoi maestri. Suo padre, Atanas, è l’allenatore bulgaro che in Italia e in Europa ha vinto tutto con Bergamo. Ma pallavolista da sempre è anche sua madre, la bulgara Kamelia Arsenova, giocatrice di successo anche nella nostra Serie A.

Continua a leggere l’articolo di Avvenire

Condividi su:   Facebook Twitter Google
27 settembre 2018, luigi-clerici